Vai al contenuto

Jon

Membri
  • Numero contenuti

    5
  • Iscritto

  • Ultima visita

1 Seguace

Su Jon

  • Grado
    Pui!
  • Compleanno 15/10/1992

Profile Information

  • Genere
    Female
  • Località
    Torino

Visite recenti

Il blocco dei visitatori recenti è disabilitato e non viene mostrato ad altri utenti.

  1. Grazie franci… è che non mi aspettavo complicazioni a distanza di una settimana, così, all’improvviso. Il mio cervello cerca di dare una spiegazione logica per accettare la cosa, ma forse non avrei potuto fare diversamente..chi lo sa. Grazie mille ancora
  2. Grazie per le tue dolci parole di conforto. Avrei voluto fosse andata diversamente, avrei voluto il meglio per lei, ancora per tanto tempo. È uno strazio al cuore ogni volta, anche se il peggio sembrava passato purtroppo non è stato così. Spero di aver fatto tutto al meglio, questo è sempre il mio più grande rammarico.
  3. Capisco, quindi una reazione opposta a quella di Amy. Non so se reagiscono tutti allo stesso modo, però forse a questo punto la temperatura un po’ alta indicava qualcosa che non andava in corso, e non la causa principale. È che spero non sia stato sottovalutato niente, non essendo la veterinaria lì presente la sera/notte del ricovero..
  4. Cosa ti ha fatto capire che aveva la febbre?
  5. Ciao ragazzi, vi scrivo perchè volevo raccontarvi della mia ennesima spiacevole esperienza, e per avere i vostri pareri o conoscere le vostre esperienze a riguardo. Ho, o meglio avevo, due cavie femmine, Arya ed Amy. Arya sta bene, ma Amy purtroppo da ieri mattina non c'è più. Amy è stata adottata a luglio del 2020, aveva circa un annetto, arrivava da un recupero di gruppo effettuato a Perugia nel 2019. Ha sempre avuto una salute di ferro, di carattere molto timida (vuoi per indole, vuoi per l'esperienza vissuta) ma anche tanto tanto coccolona. Nei controlli di routine erano emerse delle cisti ovariche di dimensioni non gravi, tant'è che non avevo preso in considerazione la sterilizzazione. A novembre 2021 mi sono accorta che si lamentava durante la pipì (nonostante sia sempre stata bene, mangiava e spallinava come sempre), così rivolgendomi alla mia veterinaria di fiducia e dopo un'ecografia in cui si vedeva una vescica alterata (non ha fatto un esame urine perchè, secondo il suo parere, molto probabilmente sarebbe uscito un risultato alterato essendo che è difficile prelevare la pipì in ambiente sterile) abbiamo iniziato un ciclo di antibiotico specifico per roditori. In questi 10 giorni il pianto era diminuito notevolmente, e dopo un'ecografia di controllo abbiamo sospeso l'antibiotico. Premetto che Amy ha sempre avuto una pipì molto densa, spesso lasciava sul fondo del recinto una macchietta bianca, ma è normale non sia troppo limpida in questi animali. Così ho lasciato che passasse il tempo, vedendo che non stava male e si lamentava ormai solo sporadicamente ho abbassato la guardia. Fino a circa quindici giorni fa, in cui il lamento era tornato un po' più forte e Amy sembrava risentirne, poichè mangiava poco e spallinava poco. È stata allora fatta nuovamente un'ecografia, nella quale è risultato un ispessimento dell'utero, con un nodulo di 1,5 cm. Abbiamo quindi deciso per una sterilizzazione completa, non c'erano alternative, anche perchè con molta probabilità era la causa del lamento durante la pipì, essendo l'utero combaciante con la vescica/uretra, l'utero creava un'infiammazione e un dolore generale; secondo la mia veterinaria e altri colleghi non era una situazione curabile coi farmaci, o sarebbe comunque stata una cosa temporanea. Venerdì 25 febbraio è stato eseguito l'intervento, delicato e molto invasivo come ben saprete, anche perchè l'incisione è stata fatta sull'addome, dovendo togliere non solo le ovaie, ma anche l'utero. La piccola è stata ricoverata tutta la notte, sono andata a trovarla la sera del giorno dell'intervento ed era irriconoscibile, era moribonda e ho temuto davvero non ce la facesse. Fortunatamente, l'indomani mattina ho potuto riportarla a casa. In quei giorni di weekend però sarei stata a lavoro 8 ore al giorno, quindi durante il mio turno lavorativo riportavo la piccola in clinica perchè le venissero fatte le terapie (antidolorifico, antibiotico e farmaci per la motilità intestinale) e venisse imboccata nel caso non mangiasse in autonomia, ma la riportavo a casa appena possibile perchè non volevo accusasse troppo i ricoveri, essendo lei molto emotiva. Da domenica sera aveva iniziato a restare a casa definitivamente, perchè una volta tranquillizzata e riacquistata un po' di energia aveva anche ripreso a mangiare da sola. Andava tutto bene finchè il lunedì mattina non mi sono accorta di una pallina, morbida di circa 1,5 cm che stava in prossimità dell'inizio della sutura e non sembrava farle male. Così sono andata immediatamente dalla veterinaria, che sospettava fosse una piccola ernia. Ha fatto un'ecografia di accertamento da cui è risultato essere grasso. L'indomani, quindi martedì, mi ha fatta consultare direttamente col chirurgo che ha eseguito l'operazione, e mi ha rassicurata dicendomi che molto probabilmente era saltato un punto di sutura interno (forse dimenandosi), che lasciava uno spazietto da cui entrava e riusciva questo grasso. Mi ha spiegato che non era grave, non era preoccupato, c'era la possibilità che questa materia rientrasse spontaneamente una volta cicatrizzata la ferita interna. Mi ha anche suggerito di tenere ben compressa la zona quando prendevo la piccola in mano, così da non lasciare che collassasse ma anzi da accompagnarla verso l'interno (infatti questo "grasso" lo sentivo morbido e lo sentivo rientrare ogni volta che premevo). Ovviamente non si poteva prendere in considerazione l'idea di un altro intervento in breve tempo, ma nel caso fosse avvenuto sarebbe stato molto meno invasivo e meno lungo di quello di sterilizzazione. Ha dato come scadenza per il controllo, da lì a un mese. Mi ha però anche detto che nelle peggiori delle ipotesi avrebbe potuto incarcersarsi un organo, ma lì in quella zona c'è l'intestino cieco, che a sua detta era molto grande per poter entrare in uno spazio così piccolo. Venerdì mattina, durante le coccole, mi rendo conto che questa pallina era un po' appianata, ma leggermente più dura. Ero insospettita, ma non ci ho dato troppo peso...la piccola stava bene, ha mangiato tranquillamente fino alle 20 di sera (ora in cui "cenano"), a mezzanotte il tracollo. Mi accorgo che è rintanata nella casetta da un po', così decido di prenderla un po' in braccio: non reagisce, rimane immobile, sembrava spaventata ma in camera non c'erano stati rumori improvvisi. La rimetto nel recinto e vedo che è passiva, inerme, di solito correva a rifugiarsi invece le ho tolto la casetta e stava immobile, non cercava nemmeno di scappare. I pochi movimenti che faceva erano a rallentatore, ho provato a darle del cibo e ha mangiato due foglioline di insalata ma poi l'ha rifiutata, ha provato a spallinare ma è riuscita a farne solo due di numero, sembrava facesse fatica. Ho capito immediatamente che qualcosa non andava e l'ho portata subito in clinica. L'infermiera di turno aveva sentito la veterinaria che la segue e si occupa di esotici e le ha fatto una flebo di fluidi e cortisone, le ha misurato la temperatura ed era a 40° (nella norma, no?) e abbiamo deciso per il ricovero. Alle 7.30 di ieri mattina la telefonata, la piccola non ce l'ha fatta... La veterinaria ovviamente non ha una risposta, ha detto che in quello spazio nella sutura potrebbe essersi strozzato un organo, o un vaso sanguigno, o potrebbe aver avuto un trombo o qualche shock. Come potrete immaginare, sono devastata. Non ero pronta, ero preparata il giorno dell'intervento, avevo preventivato la possibilità che non ce la facesse, ma dopo una settimana no...e la cosa che mi sta logorando è che la veterinaria mi ha detto che il fatto che la pallina si fosse indurita era un segno di allarme e avrei dovuto avvertire. Mi sto logorando perchè sono sempre molto attenta, e forse per una mia disattenzione la mia piccola non c'è più, magari si sarebbe potuto fare qualcosa. Ma dopo che il chirurgo mi ha dato addirittura un mese di tempo per la guarigione, e dopo avermi detto che era impossibile che quel foro creasse problemi, ho abbassato la guardia. Sono consapevole del fatto che darmi la colpa non servirà a riavere Amy, e che forse non è stata quella la causa della sua morte, che sono animali fragili, estremamente imprevedibili e che nascondono i sintomi, ma non riesco a non pensare che io sia stata responsabile, che se avessi agito prima ora forse sarebbe qui. Mi logora sapere tutto quello che ha passato nella sua breve vita, l'abbandono e il recupero, è stata con me così poco e avrei voluto darle ancora tanto amore, è tutto così ingiusto. Scusate il lungo post, ma avevo necessità di condividere la mia esperienza con qualcuno che conosce e ama davvero questi animali, e volevo sapere se ci fosse qualche esperienza simile. Grazie mille a chi mi risponderà.
  6. No esatto, Arya non ha perso pelo, ha avuto un diradamento generale ma credo sia dovuto allo stress iniziale che ha passato, ora è molto migliorato. comunque non vorrei dirlo troppo forte, ma da qualche settimana sta decisamente meglio… le feci sono stabili, il pancino si gonfia e borbotta solo ogni tanto, ha anche ripreso a mangiare praticamente come sempre! L’unica cosa che mi preoccupa è che continua a dimagrire, ora è arrivata a 820gr nonostante mangi davvero tanto… e credo sia causato dalle cisti
  7. Ciao Franci. Insomma… le cisti sono variate un po’. Quella di sinistra, che i primi di giugno misurava 0,78 mm, si è rimpicciolita e misura 0,5 ma se n’è formata (oppure la scorsa volta non si vedeva) un’altra più piccolina. Mentre quella di destra, che era 1,2 cm adesso è di 1,6x0,7 insomma si è ingrandita… la mia veterinaria rimane del parere di operare, ovviamente specificando che sia un rischio. Non se la sente di provare con la cura ormonale perché si è confrontata con diversi colleghi che gliel’hanno sconsigliata in quanto una procedura abbastanza sperimentale che potrebbe portare problemi a fegato e reni. Sono davvero in crisi, Arya ha giorni buoni e giorni meno buoni, purtroppo non ho la certezza che la sua situazione dipenda dalle cisti. Da un lato penso che abbia solo preso tanti farmaci abbastanza pesanti che le hanno rovinato l’intestino, da un lato penso che siano le cisti. Posso chiederti se su Shiva le cisti avevano dei sintomi? Se sì, quali? Oltre Arya ho un’altra femmina di nome Amy, anche lei con cisti ovariche che ad oggi non hanno dato nessun problema, che però non hanno risposto alla melatonina a differenza di quelle di Arya. Anzi, mi chiedo se in realtà la melatonina abbia mai fatto qualche tipo di effetto e se le cisti non varino a prescindere, non ho esperienza a riguardo
  8. Esatto, non sappiamo con certezza se i sintomi dipendano dalle cisti, anche perché è subentrato tutto dopo gli antibiotici, perciò un intervento mi sembra azzardato… domani abbiamo l’ecografia di controllo, così vedremo di che dimensioni sono le cisti. Grazie ♥️
  9. Ciao ragazzi, ormai sono tre mesi che la situazione è altalenante… Arya continua a non essersi ripresa completamente, alterna momenti buoni a momenti no… ha ripreso a mangiare ma ha cambiato completamente abitudini, se prima mangiava tutto insieme adesso mangia a round, e a volte non è nemmeno detto che mangi. Anche il pellet, che prima adorava, lo mangia ormai sporadicamente. Per quanto riguarda la pancia è un disastro, alterna momenti di blocco a feci molli, è quasi sempre gonfia e la pancia spesso gorgoglia… le abbiamo provate tutte, anche a lasciarla completamente senza farmaci per l’intestino, ma senza farmaci sembra non andare avanti… il peso è stabile, va dai 880 ai 900 grammi (990gr in partenza), ma si sentono comunque le ossa. Il pelo è sempre in disordine ed è diradato. Le urine continuano ad essere di colore arancione fluo dopo un paio di minuti a contatto con l’aria. Nel complesso ha riacquistato vitalità, ma non al 100%. La mia veterinaria rimane sempre dell’idea di sterilizzarla, io non riesco a prendere una decisione invece; le cisti erano già presenti prima che succedesse tutta la trafila respiratoria e di antibiotici, inoltre dopo l’assunzione di melatonina erano in regressione. La mia paura è, di sottoporla a un intervento che non è detto che supererebbe viste le condizioni precarie in cui è, e di sottoporla a un intervento non necessario, perché io penso che dipenda tutto dall’intestino. Purtroppo è una situazione in cui non si sa se sa sia nato prima l’uovo o la gallina. Volevo sapere da voi se avevate qualche idea… grazie mille
  10. Sisi, assolutamente la vitamina C non manca, e sto dando anche echinacea per le difese immunitarie, idroplurivit, e un farmaco ottimo che si chiama Dímmune R, che in realtà è un integratore alimentare specifico per conigli ed altri animali esotici. La mia veterinaria ha mille risorse speriamo che la situazione possa tornare ad essere stabile, così da affrontare l’ipotetico intervento con più serenità. Grazie ♥️♥️
  11. Ciao ! L’intervento alla fine non è stato fatto… l’anestesista aveva paura fosse troppo rischioso, ha detto che ci sarebbero state molte probabilità che non si sarebbe svegliata… Lei e la veterinaria hanno deciso insieme di tentare con la melatonina: da domani Arya inizierà a prendere una compressa al giorno, e vedremo nel caso se fare l’impianto… mi diceva che però purtroppo non ci sono molte esperienze a riguardo, voi ne sapete qualcosa? Arya comunque è tornata a casa, nel complesso mi sembra stare abbastanza bene anche se continua a preferire l’erba alla verdura 😒 mi chiedevo se fosse un problema o se sarebbe meglio mangiasse la verdura… Se non ci sono peggioramenti, dovremmo rivederci lunedì… ps. Mi è venuto in mente che ormai forse il mio topic è nella sezione sbagliata 😛
  12. Difatti sono quasi certa che verrà fatto… Vi tengo aggiornati ♥️
  13. Franci, tieni in considerazione che Arya non mangia come ha sempre mangiato da un mese e mezzo ormai… abbiamo preso un attimo di respiro 3 settimane fa, quando ho deciso di riportarla in questa clinica, da lì ha ripreso a mangiare un po’ e a stare un po’ meglio, ma ormai è troppo tempo che andiamo avanti… sta resistendo perché è giovane, ma non so quanto terrebbe continuando così… quindi forse ha senso tentare adesso, perché di questi tracolli ne ha avuti tanti, non so quanto potrebbe ancora andare avanti. Sta prendendo ogni farmaco possibile, omeopatico e non. È nettamente migliorata ma non è sufficiente per dire che sia tornata alla normalità… l’obiettivo era quello di farla rimettere in vista dell’intervento, se avesse proseguito a stare bene com’è stata in questi giorni sarei stata più serena, ma purtroppo ieri è di nuovo peggiorata… Non mi resta che aspettare domani purtroppo.
  14. Ciao ragazzi! vi avrei aggiornato a breve… Arya era stata dimessa mercoledì, e stava benone, ma purtroppo ieri mattina ha avuto di nuovo un peggioramento, smettendo nuovamente di mangiare… Sono tornata poco fa dalla clinica, la dottoressa ha deciso di ricoverarla nuovamente, domani mattina ci sarà tutta l’equipe di chirurgia e anestesia, e valuteranno cosa fare, se procedere con l’operazione domani o meno… Purtroppo il pancino era di nuovo molto gonfio e malmesso.. In questi giorni aveva pensato di provare con la terapia ormonale, ma è più propensa per l’operazione (con ovviamente tutti i rischi che ne comporta), perché l’effetto della terapia si vedrebbe tra diversi giorni, sempre nel caso in cui avrebbe fatto effetto… cosa ne pensate? Da un lato non vorrei facesse l’operazione, ma non vediamo alternative.. sono molto giù di morale e preoccupata…
  15. Eccomi ragazzi, grazie mille per la vicinanza Stamattina sono andata a trovare Arya in clinica, sono riuscita a coccolarmela un’oretta, per fortuna sono molto gentili e disponibili in questa clinica dove vado, mi spiace aver cambiato strada per un certo periodo, ma alla fine grazie a loro sta concretamente migliorando. L’ho trovata bene, era molto vispa e contenta di vedermi, credo sia abbastanza a suo agio nonostante i ricoveri, le ho anche portato della verdura e del pellet e ha mangiato molto e volentieri! La veterinaria vuole tenerla almeno ancora tutto domani, mi sembrava più fiduciosa rispetto ieri, perché ha visto un miglioramento della piccola infatti pensava di anticipare l’intervento finché risponde così bene. Anche lei pensa che in questo momento siano le cisti a scombussolare l’intestino e a impedire il miglioramento, per questo vuole intervenire il prima possibile… Domani andrò di nuovo a trovarla, in clinica le stanno dando farmaci per l’intestino e le stanno appunto facendo anche flebo per rinvigorirla… spero che per una volta potrò essere fortunata, finora (con Jon e Jesse) ho avuto un percorso difficile… Arya è una bella tipetta, ha una personalità unica, spero che tutto questo rimarrà solo un brutto ricordo… Grazie mille, vi tengo aggiornati ❤️
×
×
  • Crea Nuovo...