Vai al contenuto
Nora87

Calcoli nell'uretere

Recommended Posts

Ciao a tutti!

Chiedo venia per la lunga assenza sul forum, ma come per molti, questi mesi sono stati piuttosto complicati. 

Vi aggiorno sui miei porcelli, Quintilio ed Ottavio, con un problema sorto a giugno scorso e che stiamo lentamente risolvendo. 

Sabato 6 giugno, poco dopo aver sfamato le belve, mi accorgo di una chiazza rossa di pipì nella lettiera. Con un escamotage capisco che è Quintilio e con mia mamma corriamo subito in clinica. Per nostra duplice fortuna il policlinico dove li porto ha orario h24 e c'è sempre un veterinario esperto in esotici, che quella sera era proprio il loro dottore, il quale lo visita e procede con una radiografia che conferma i nostri dubbi: calcoli! Mi assegna una terapia(antinfiammatorio, antibiotico e erba spaccapietra), fornendomi subito lui stesso i primi due farmaci, ed optiamo per fare un’ecografia ad entrambi per capire bene la posizione dei calcoli di Quintilio ed escludere problemi simili ad Ottavio.

Per farla breve è emerso che i calcoli sono nell’uretere dx, peraltro ipocinetico, e il rene destro è leggermente più piccolo e presenta una compromissione strutturale che sicuramente ne riduce la funzionalità; probabilmente si tratta di un problema congenito, perché anche se Ottavio sta bene mostra un lieve disomogeneità del rene destro, il che fa pensare a qualcosa di ereditario che Quintilio ha sviluppato. Ovviamente anche l’infiammazione è alta, tant’è che per 18 giorni ogni 3 ore(anche la notte)ho controllato che lui facesse regolarmente pipì e scongiurare l’incubo di un blocco renale, anche parziale.  Il veterinario mi ha spiegato che l’operazione di protocollo in questi casi prevede è complessa e rischiosa, in quanto si asporta l’intero rene. Entrambi contrari a questa soluzione e favoriti dal fatto che Quintilio, oltre che asintomatico, ha reagito bene alla terapia, decidiamo di procedere con la spaccapietra ed il trattamento osteopatico, in modo da levigare i calcoli fino a farli finire in vescica per poi procedere con un intervento più semplice.

Per due mesi sembra procedere per il meglio, l’infiammazione rientra, i calcoli si rimpiccioliscono leggermente e  si avvicinano sempre più all’imbocco della vescica. Poi la situazione un po’ precipita: il calcolo più avanzato è anche quello più grosso ed arrivato all’ingresso della vescica fa da tappo(fortunatamente lasciando passare l’urina) e si ricrea una forte infiammazione.

L’operazione chirurgica diventa inderogabile, ma il loro veterinario insieme al resto dei colleghi del team esotici escogitano una soluzione alternativa sfruttando proprio il fatto che il calcolone si trovava incastrato, che io ho subito avallato(la decisione finale, infatti, è stata lasciata a me), perché più sicura e meno invasiva. Invece che rimuovere rene ed uretere, hanno optato per due “piccoli” interventi meno rischiosi. Nel primo, il più complesso che hanno fatto a fine agosto, hanno inciso la vescica nella parte alta, vicino l’imbocco dell’uretere, e con l’idropulsore hanno aspirato il calcolo grosso. Hanno provato anche a vedere se riuscivano a “catturare” anche gli altri, ma ahimè erano risaliti. Il secondo, invece, sarà un classico intervento di rimozioni di calcoli in vescica, che verrà programmato appena i calcoli rimasti finiranno in vescica, cosa che richiederà un po’ di tempo, ma che dovrebbe svolgersi serenamente, perché sono molto più piccoli di quello torlo.

L’operazione è andata per il meglio, peraltro i veterinari sono stati premurosi e disponibilissimi, mi hanno continuamente aggiornata delle condizioni di Quintilio, così come mi hanno permesso di lasciare loro anche Ottavio per fare compagnia al fratello(non facendomi pagare la pensione per lui). Il post, invece, ha dato qualche difficoltà, che però, grazie anche al monitoraggio del veterinario, abbiamo superato in pochi giorni.

Ora, stando all’ultima ecografia, la situazione si è normalizzata. I calcoli stanno lentamente procedendo verso la vescica, ma sono piccoli ed, a parte un breve e singolo episodio di ematuria, non creano problemi od infiammazione. Il rene, purtroppo, presenta una compromissione, ma funziona ed ha trovato il suo equilibrio. Quintilio si è ripreso in pieno, pertanto non ci resta che aspettare e sperare per il meglio!

p.s.: per la serie non ci siamo fatti mancare nulla, ad inizio ottobre, poche ore prima di un mio impegno importantissimo, scopro che Quinitlio ha un bozzo sulla pancia. Il giorno seguente lo porto dal veterinario che inizialmente pensa sia un lipoma, poi dal risultato dell’ago aspirato esce fuori che un ascesso(probabilmente un pizzico di zanzara infetto). Altri 10 giorni di antibiotico, ma al terzo, di domenica sera, esplode e spurga da solo. Per fortuna, a parte un’ora tragicomica nella quale gli ho drenato e medicato l’ascesso(ferendomi volontariamente un dito con il coltello per provare i disinfettanti ed esser certa che fossero del tipo “non brucia”)si è risolto tutto per il meglio.

p.s.2: perdonatemi il post ultra lungo, giuro che sono stata il più sintetica possibile!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intanto mi fa piacere rileggerti e ti ringrazio per la dettagliata esposizione delle vostre avventure, che offre molti spunti di riflessione.

Per prima cosa si sottolinea una volta di più l'importanza di poter disporre di un veterinario esperto anche in cavie, meglio ancora se H24.

Poi, trovo molto corretto l'approccio con una prima parte farmacologica e di rimedio naturale (l'erba spaccapietra) per iniziare a ridurre i calcoli.

Ovviamente i piccoli calcoli e i frammenti si dirigono verso la vescica e l'ostruzione è una delle conseguenze da monitorare perchè ha molte probabilità di verificarsi. Ancora una volta bravo il team nella scelta di interventi meno invasivi rispetto ad un approccio più complesso e foriero di conseguenze.

Infine, plaudo al permesso di ospitare il fratellino in clinica: la cavia in un ambiente non suo, particolarmente quello non proprio felice della clinica, tende a deprimersi e questo rende più difficoltosa la ripresa; concedere la possibilità di andare a trovarlo o meglio ancora, in questo caso, alloggiare anche il compagno ha un'influenza altamente positiva sul "ricoverato".

Allora una carezzina ai due pelosini!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, bentornata!

caspita quante vicende, ho letto con una certa apprensione....ma per fortuna è andato tutto per il meglio! Davvero ammirevole il lavoro del tuo veterinario e dei suoi colleghi, che hanno mostrato bravura tecnica e anche comprensione per altri aspetti (come il non lasciare da solo il piccolo).

bravissima anche tu, immagino lo stress e tutto l’impegno di questo periodo!

tante carezzine a Q&O

Share this post


Link to post
Share on other sites

I porcoratti vi ringraziano per le carezze ed io dei benritrovata!

Il veterinario ed i suoi colleghi sono stati veramente eccelsi: professionali, competenti e premurosi sino al minimo dettaglio. Il fatto di ospitare anche Ottavio durante il ricovero è stata una loro idea, non ho fatto in tempo a chiederlo che lui aveva già dato per scontato la cosa, tanto che aveva organizzato la loro sistemazione in una gabbia "doppia". L'intervento di Quintilio, poi, ha fatto scuola, dopo di lui altre due cavie sono state operate con lo stesso approccio! Inoltre mi ha molto colpito e fatto piacere l'estrema disponibilità e l'amore con cui trattano e si occupano dei loro piccoli pazienti, nonché la sincerità con cui  mi hanno esposto il problema e tutti gli annesi, rischi in primis, quando ho firmato le liberatorie per il prelievo del sangue e per l'intervento. Il veterinario mi ha dato il suo numero e per qualunque problema posso inviargli messaggi o chiamarlo, così come mi ha tenuto costantemente aggiornata delle condizioni di Quintilio prima e dopo dell'intervento e del relativo ricovero, mandandomi video e messaggi. Peraltro se può interessarvi, il programma su rai3 That's amore(disponibile su raiplay) è girato proprio in questo policlinico veterinario.

Brave, però, sono state anche le mie belvacce. Quintilio, nonostante sia matto come pochi, si è sciroppato tutte le medicine e le varie analisi facendo pochissimi capricci, mentre Ottavio è stato una piccola roccia, supportando il fratello senza farsi prendere troppo dalla gelosia(perchè sì, è geloso in modo terribile).

Per quanto riguarda me, beh è stata un'estate difficile, perchè ho temuto seriamente di perderlo ed essendoci già passata, come dire, so già quanto sia doloroso, un vero e proprio lutto. Pensate che a fine luglio ho fatto le analisi del sangue di routine, nelle quali, avendo patologie endocrine, controllo sempre i vari valori ormonali e c'era il cortisolo, noto proprio come ormone dello stress, che era schizzato ben oltre la soglia massima! Fortunatamente, per ora, è andato tutto per il meglio.

Vi allego il video di Quintilio che prende le medicine...come potete notare l'antinfiammatorio è di suo gusto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mamma mia che avventura!

Ho letto con estremo interesse perché purtroppo in passato mi è capitato di dover curare cavie maschio con problemi di calcoli e leggere della possibilità di interventi gestiti in tempi e modalità diverse è stato davvero confortante e interessante.

Quintilio è stato davvero bravo a reagire a post operatorio e alle cure prolungate.

Bravissima tu e il veterinario a cui vi siete affidati.

...pet par condicio vogliamo il filmato anche di Ottavio!😁

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ottavio per fortuna non ha preso medicine, solo l'integratore e la vit. C, ma non gli ho fatto il video, perché è molto reticente e bisogna obbligarlo con la forza!m

Compenserò con un video di quando si scava un rifugio con il fieno. Purtroppo è in bassissima qualità, perché era di notte. 

IMG_20201124_160234.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buongiorno vi aggiorno sulla situazione. Ieri sera Quintilio ha avuto un nuovo episodio di ematuria(ancora in corso), a distanza di un mese ed  un giorno dal precedente. Ho subito contattato il vet che mi ha detto di procedere con tre giorni di antinfiammatorio al solito dosaggio. Stamane ancora urina sangue ed è piuttosto intenso, ma ho trovato dei piccoli frammenti bianchi, alcuni solidi altri tipo gesso bagnato, sia sul 'pirulo" della belva che sulla macchia sopra la traversina. Probabilmente sta espellendo renella e/o parti di calcoli. Con il vet abbiamo concordato che se non migliora(o smette di mangiare, urinare o diventa apatico) entro stasera lo porto subito in clinica, altrimenti se riprende gradualmente ad urinare limpido glielo porto il 28. 

Quintilio come sempre mangia, è attivo e non sembra lamentarsi, se non del fatto che per controllarlo gli rompo un po' le scatole! Speriamo bene!

Share this post


Link to post
Share on other sites
47 minuti fa, franci_fra3 ha scritto:

Speriamo bene. Intanto se riesce ad espellere la renella è già una cosa positiva. Poi per fortuna è attivo e ha appetito, vuol dire che non sente dolore. Forza!

Sì, la renella così grossolana spiegherebbe peraltro anche l'ematuria così marcata. Comunque per precauzione ho preso appuntamento col veterinario per domani. 

Nel frattempo lui si ingozza come un cinghiale a digiuno da mesi, a pranzo si è avventato sulla verdura tipo tigre sulla preda!😂😂

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nuovo aggiornamento.

Siamo rientrati ora dalla visita con eco dal veterinario. Purtroppo si è riattivata la nefrite, che gli ha causa infiammazione e fa produrre al rene piccoli agglomerati di renella(non sono proprio calcoli in quanto sono di forma irregolare, quantomeno così ho capito)i quali passando hanno graffiato le mucose con conseguente ematuria. In compenso ne ha espulsi diversi e considerando le dimensioni molto ridotte potrebbe fare lo stesso con gli altri. Già da stanotte il sangue nelle urine è ridotto rispetto a ieri. Il veterinario mi ha dato una terapia con antinfiammatorio ricalibrato, antibiotico, gastroprotettore, ribes pet(che loro prendono regolarmente da mesi) e un prodotto naturale che sembra essere molto efficace in queste situazioni. La situazione, però, sembra essere sotto controllo. A quanto pare l'abbiamo sfangata anche questa volta. 

Il prossimo controllo, salvo imprevisti, è intorno il 10 gennaio. 

Colgo l'occasione per farvi i miei più sinceri auguri per delle serene, anche se anomale, festività. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, Accedi Ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Reply to this topic...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Caricamento...

×
×
  • Crea Nuovo...